ArticoliContenzioso Bancario

Anatocismo conto corrente, azienda recupera €48.000,00

recupero somme indebite

Anatocismo conto corrente, l’azienda che fa causa alla banca recupera € 48.000,00.

L’azienda decide di fare causa alla banca per il recupero di somme indebite derivanti da rapporto di conto corrente aperto nel 1994. Il primo passo è stato mettere in sicurezza la società attrice da ogni rischio chiudendo il rapporto con questa banca.

Mettere in sicurezza l’azienda deve essere sempre la priorità!

L’esistenza o meno del contratto è il presupposto giuridico fondamentale per capire se e come procedere a fare causa alla banca per anatocismo su conto corrente. In questo caso il contratto non era mai stato sottoscritto dal cliente e confermato dalla banca a seguito di richiesta – alla banca – dell’eventuale copia conforme del contratto. Richiedere sempre alla banca la copia del contratto non è mancanza di fiducia nei nostri clienti ma una buona prassi di verifica delle informazioni ricevute, soprattutto nel caso di rapporti bancari aperti molti anni fa.

Sulla base dell’inesistenza del contratto e con l’azienda in sicurezza da rischi di revoche e soprattutto di segnalazioni anomale in Centrale dei Rischi Banca d’Italia si procede a far causa alla banca.

In merito al contratto il giudice così si esprime: “Pertanto sussistono indizi gravi, precisi e concordanti circa la mancata pattuizione di un contratto di conto corrente e di apertura di credito tra le parti dell’odierno giudizio.”

L’indebito quantificato a mezzo a mezzo CTU è di € 48.000,00.

Scarica qui l’ordinanza:ORDINANZA PV 2020

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.